La passione

La passione riguarda la mente, lo stato d’ animo, i 

successi, le sconfitte, e coinvolge le persone che

ed intangibile che taluni di noi possiedono per

ci sono state e ci stanno intorno.

Riguarda anche il cuore, perché rappresenta la

bussola che ti ricorda dove sei e dove vuoi andare,

e ti fa ritornare a camminare in una terra perduta.

Ti guida a credere – con complice ostinazione – in

tutto ciò che fai.

La passione può riempire gli spazi vuoti e

cancellare errori, demeriti o indifferenza.

E’ un rifugio, uno spazio mentale strettamente

privato che racchiude, domina ed inghiotte umori,

sensazioni, bisogni, ragioni, obiezioni,

discussioni, raffronti morali.

Per tutto questo la passione è pure la più grave ed

incurabile malattia, la cui assenza costituisce la

peggiore tra le terapie.

E’ un lampo di orgoglio, un fuoco morale che arde

per quella che a te sembra essere la più giusta tra

le cause.

Ma soprattutto la passione non può essere insegnata

se non con l’esempio che ne sparge le spore, e non

può essere conteggiata né imparata da cuori

addormentati.